CNA Veneto spiega il Bonus Mobili

Bonus Mobili, un’opportunità per vendere e comprare arredo artigianale Made in Italy

Una detrazione Irpef del 50%, fino a 16.000 euro

Che cos’è il Bonus Mobili? Si tratta di una detrazione Irpef del 50% spettante a chi ha effettuato l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

L’agevolazione è valida per gli acquisti che si effettuano nel 2021, ma può essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato non prima del 1° gennaio 2020.

Gli interventi necessari per accedere alla detrazione

Il Bonus Mobili 2021 può essere utilizzato da coloro che hanno effettuato una ristrutturazione edilizia, sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali, dal 1° gennaio dell’anno scorso (2020).

Gli interventi edilizi necessari per avere la detrazione sono:

  • manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti;
  • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza;
  • restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile;
  • manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.

Tra gli interventi necessari per accedere alla detrazione rientrano ad esempio il rifacimento di scale e rampe, la realizzazione di recinzioni, muri di cinta e cancellate, l’apertura di nuove porte e finestre, ecc. .

Ma anche l’installazione di una stufa a pellet o la sostituzione di una caldaia sono consentiti per accedere alla detrazione.

Il Governo, poi, nelle faq sul Superbonus, precisa che danno inoltre diritto al Bonus Mobili anche gli interventi edilizi che rientrano nel sismabonus nonché nel superbonus antisismico del 110%.

Tipologie di beni acquistabili

La detrazione spetta per l’acquisto di mobili nuovi ed elettrodomestici nuovi.

Rientrano, tra i mobili acquistabili, i letti, gli armadi, le cassettiere, i tavoli e le sedie, ecc. . È escluso l’acquisto di porte, pavimentazioni (per esempio il parquet), tende e tendaggi, altri complementi di arredo.

È possibile usufruire della detrazione anche delle spese di trasporto e montaggio dei beni acquistati. La detrazione spetta anche in caso di finanziamento a rate.

Come ottenere il Bonus Mobili

La detrazione si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Redditi persone fisiche) e spetta unicamente al contribuente che usufruisce della detrazione per le spese di intervento di recupero del patrimonio edilizio.

CNA Veneto ha predisposto una guida al Bonus Mobili, fornendo alle imprese del settore dell’arredo gli strumenti per chiarire i dubbi ai propri clienti su questa detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici a seguito di una ristrutturazione edilizia.

CNA Veneto è al tuo fianco, per maggiori informazioni sul Bonus Mobili contattaci a: bottaro@cnaveneto.it.

PDFSTAMPA

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Distributori privati di carburante: l’Agenzia dogane chiarisce gli obblighi in vigore dal 2021