divieto di asporto

Asporto oltre le 18 per bar, pub, birrerie, caffetterie ed enoteche, ateco 56.3

Ristorazione, perdite del 40 per cento. Emendamenti CNA al Dl Riaperture

La circolare del Ministero dell’Interno datata 7 maggio, di cui in allegato, che contiene il chiarimento sull’asporto per i bar e le altreè stata pubblicata sul sito istituzionale del ministero.

Il provvedimento stabilisce che relativamente alla riapertura delle attività dei servizi di ristorazione svolte da qualsiasi esercizio nella zona gialla – per i soggetti che, in tale zona, svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice ATECO 56.3, la vendita per asporto è da ritenersi consentita anche oltre le ore 18,00, nel rispetto dei vigenti limiti orari agli spostamenti.

Non è comunque consentita la consumazione sul posto o nelle adiacenze dei pubblici esercizi, in qualsiasi orario.

Ricordiamo che il codice Ateco prevalente 56.30.00 Bar e altri esercizi simili senza cucina ricomprende:

  • bar;
  • pub;
  • birrerie;
  • caffetterie;
  • enoteche.

Ricordiamo, infine, che anche nelle Faq del Governo per le zone gialle viene riportato relativamente alle attività di ristorazione:

In questa zona, dal 26 aprile 2021, è consentito, dalle ore 5.00 alle 22.00 e comunque nel rispetto dei limiti orari stabiliti per gli spostamenti, il consumo al tavolo esclusivamente all’aperto nei bar, nei ristoranti e nelle altre attività di ristorazione. Fino al 31 maggio 2021 compreso non è invece consentito il consumo di cibi e bevande all’interno dei locali.

Dalle 5.00 alle 22.00 è consentita anche la vendita con asporto di cibi e bevande. La consegna a domicilio è consentita senza restrizioni, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti”.

Osservatorio Ristorazione

È stato presentato nei giorni scorsi l’Osservatorio Ristorazione.

Dall’indagine emerge che il comparto delle attività dei servizi di ristorazione nel 2020 ha perso circa il 40% del volume di affari registrato nell’ultimo anno prima della pandemia.

Sono più di 22mila le attività del settore che si sono viste costrette a chiudere. Poco più di 9mila quelle avviate. Non andava così male da dieci anni.

Secondo il rapporto, che fa un focus sul delivery, il 43% dei ristoratori ha dichiarato di fare consegne direttamente, con propria flotta di rider e sistemi di ordinazione.

Emendamenti CNA al Decreto Riaperture

La CNA ha predisposto degli emendamenti al Decreto Riaperture. I tre che riguardano il settore della ristorazione sono:

  • Si propone che dal 1° giugno 2021, nella zona gialla, le attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, siano consentite anche al chiuso, con consumo al banco, sul posto e al tavolo, dalle ore 5:00 fino alle ore 22:00, nel rispetto di protocolli e linee guida adottati;
  • il secondo propone dal 1° giugno lo svolgimento di feste susseguenti a cerimonie civili e/o religiose, considerando il graduale calo dei contagi e l’incedere della campagna di vaccinazione, si possa anticipare la data di ripresa di banchetti, ricevimenti e buffet, conseguenti a matrimoni e feste private in genere, purché svolti nel rigoroso rispetto dei protocolli di sicurezza e delle misure di prevenzione. Il Paese si sta pazientemente avviando sulla strada della ripartenza. Urge ragionare, allora, in termini predittivi, se si vuole rifuggire l’improvvisazione e programmare normativamente la ripresa di ogni forma di manifestazione collettiva in presenza;
  • il terzo emendamento si allinea a quanto già previsto per i congressi e convegni e quindi si propone che dal 1° luglio 2021, in zona gialla, siano consentite le sagre e le fiere locali e altri eventi e manifestazioni assimilabili, nel rispetto di protocolli e linee guida adottati, ferma restando la possibilità di svolgere, anche in data anteriore, attività preparatorie che non prevedono afflusso di pubblico.
PDFSTAMPA

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Veneto Riaperture in zona gialla
Il Decreto Riaperture spiega cosa si potrà fare dal 26 aprile