Soccorso stradale: l’importanza della professionalità del “carroattrezzi”

Un carroattrezzi è un veicolo adibito a prestare aiuto ad altri mezzi a motore in difficoltà tecniche e all’eventuale loro trasferimento da un luogo ad un altro (di solito un’officina di autoriparazione). Oppure al recupero di veicoli che sono usciti fuori strada in luoghi poco accessibili, solitamente a seguito di un incidente. I carroattrezzi sono automezzi adibiti ad uso speciale, secondo la normativa (art. 54 del Codice della Strada) e secondo le indicazioni del documento di circolazione. Si tratta di autoveicoli per il soccorso stradale destinati al traino e trasporto dei veicoli danneggiati o guasti. Sono automezzi al di fuori dall’applicazione della legge relativa al trasporto conto terzi e autotrasporto. Per poter esercitare l’attività di assistenza stradale con tali carroattrezzi, però, è necessario che questi siano adibiti con caratteristiche tecniche ben precise. Ben diversa è la situazione in cui veicoli come dei carroattrezzi, siano utilizzati anche per il trasporto di merci del settore automotive, ovvero di auto, moto, furgoni, scooter, etc. destinati alla vendita, nuovi oppure usati. In tal caso il veicolo di trasporto o carroattrezzi, deve essere immatricolato per il trasporto ad uso proprio e con una licenza da acquisire. Inoltre, nel caso in cui diventi a tutti gli effetti un autotrasportatore professionale tramite questo trasporto conto terzi, sarà necessaria l’iscrizione all’Albo degli Autotrasportatori come veicoli per trasporti specifici (bisarche). La differenza la fa il libretto di circolazione stradale, dove la dicitura “ad uso speciale” oppure “ad uso proprio” fornisce la destinazione d’uso del veicolo.

PDFSTAMPA

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Divisori sui veicoli per il trasporto di persone: circolare ministeriale