nuova definizione di default

Recovery Plan: l’Uetr chiede adeguata considerazione per l’autotrasporto.

L’associazione europea dei trasportatori UETR (della quale fa parte la Cna Fita) con altre 31 organizzazioni chiede adeguata considerazione per il comparto trasporti nei vari piani nazionali di recupero. L’associazione ha accolto con favore l’approvazione da parte del Parlamento europeo dello strumento per il recupero e la resilienza e insieme alla coalizione “Transport for EU Recovery” e invita gli Stati membri dell’UE e la Commissione europea a garantire che il settore dei trasporti riceva un’adeguata considerazione nei piani nazionali di recupero e resilienza. “Ora contiamo sugli Stati membri per fornire misure sostanziali nei loro piani di ripresa nazionali riconoscendo il ruolo e le scelte importanti degli autotrasportatori in modo che possano continuare a svolgere servizi di trasporto e garantire la continuità economica in questi tempi difficili”, ha affermato l’UETR.
“Come abbiamo avuto modo di esprimere in audizione presso la IX Commissione Trasporti alla Camera – conclude la nota dell’UETR – è fondamentale utilizzare il PNRR italiano per valorizzare il settore del trasporto merci con scelte strategiche e di lungo periodo che, puntando realmente a perseguire gli obiettivi di sostenibilità ambientale, transizione energetica e sviluppo dell’intermodalità, consenta agli autotrasportatori nazionali di utilizzare gli strumenti in grado di continuare a competere nell’immediato futuro e compiere il salto di qualità nelle loro attività imprenditoriale”.

PDFSTAMPA

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Videoconferenza “L’artigianato, le PMI della moda e la pandemia”