Guida CNA su riapertura e ripartenza di cerimonie manager pass

Cerimonie ed eventi: indicazioni su date, zona bianca, covid manager e green pass

Una guida di CNA Veneto per la ripartenza

Il secondo Decreto Riaperture, pubblicato in Gazzetta il 18 maggio 2021, reca importanti novità per la ripartenza, in particolare per il settore della ristorazione, cerimonie ed eventi: ecco tutte le indicazioni su date, zona bianca, covid manager e green pass.

Tra le novità, per banchetti e matrimoni si prevede che dal 15 giugno 2021 sono consentite le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, anche al chiuso, nel rispetto dei protocolli e delle linee guida, e con la prescrizione che i partecipanti siano muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19. La Conferenza delle Regioni aveva già approvato le Linee Guida per il settore in data 28 aprile (le alleghiamo qui sotto).

Feste e cerimonie

Dal 15 giugno 2021, in zona gialla, sono consentite le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, anche al chiuso, con il vincolo della prescrizione che i partecipanti siano muniti di una delle certificazioni vaccinali o Green Pass. In particolare, gli invitati dovranno avere la certificazione verde per dimostrare in alternativa:

  • di essere stati vaccinati con la seconda dose;
  • oppure di aver avuto il Covid-19 ed essere guariti;
  • oppure aver fatto un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti.

In assenza dei protocolli regionali trovano applicazione i protocolli o le linee guida adottati a livello nazionale. Il che vuol dire che le singole regioni potrebbero disporre misure aggiuntive rispetto a quanto stabilito in sede di Conferenza Regioni.

Covid Manager

In questi giorni si parla sempre di più del Covid Manager, che è il referente unico aziendale per l’attuazione delle misure di prevenzione.

Per le cerimonie gli organizzatori di eventi potrebbero individuare un “Covid Manager” che vigili sul rispetto delle norme anti Covid-19. Nel decreto, comunque, non è previsto alcun obbligo.

Green Pass o passaporto vaccinale

La certificazione verde Covid-19, avrà validità di nove mesi dalla data del completamento del ciclo vaccinale. Nel frattempo sarà rilasciata contestualmente alla somministrazione della prima dose di vaccino e ha validità dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale.

Svolgimento feste ed eventi prima del 15 giugno

In considerazione dell’attuale andamento dei contagi diverse regioni potrebbero ritrovarsi prima del 15 giugno in zona bianca.

In zona bianca non si applicano le misure restrittive previste dai decreti legge per le aree gialle, arancioni e rosse ma le attività si svolgono secondo specifici protocolli.

Per questo motivo, la regolamentazione alla quale si può fare riferimento in questo momento non è nazionale ma dipenderà dalle ordinanze dei governatori delle Regioni.

Il 29 maggio la Conferenza delle Regioni ha chiarito che “le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, anche al chiuso, devono svolgersi nel rispetto di protocolli e linee guida […] e con la prescrizione che i partecipanti siano muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19 […] anche in zona bianca, in quanto previsto dal decreto del governo […].

In base alle attuali disposizioni e all’incidenza dei contagi, le regioni che dal 1° giugno dovrebbero passare in zona bianca sono:

  • Friuli-Venezia Giulia;
  • Molise;
  • Sardegna.

Dal 7 giugno, invece, potrebbero aggiungersi all’elenco:

  • Abruzzo;
  • Lazio
  • Liguria;
  • Veneto.

Scarica le indicazioni su Cerimonie ed eventi, e ristorazione

Scarica la guida di CNA Agroalimentare contenente le indicazioni sulla ripartenza di cerimonie, eventi e di tutto il settore della ristorazione: un focus su date, zona bianca, covid manager e green pass.

Linee guida della Conferenza delle Regioni

PDFSTAMPA

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
divieto di asporto
Il Ministero chiarisce: dopo le 18 resta il divieto di asporto per i bar