1

Superbonus 110, nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una nuova circolare sul Superbonus 110. Il provvedimento, Circolare n. 30/E, riguarda una serie di risposte ai quesiti presentati dalle imprese, e dunque dalle associazioni di categoria, sulla detrazione per interventi di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico degli edifici.

Il contenuto della nuova circolare Superbonus 110

Il provvedimento inizia con una sintesi delle principali novità introdotte dal Decreto Agosto sui possibili interventi compresi nel Superbonus 110.

Il testo prosegue con l’elenco dei soggetti beneficiari e delle tipologie di immobili ammessi.

Il quarto capitolo è dedicato agli interventi e ai limiti di spesa, con la distinzione tra interventi trainanti e interventi trainati e la descrizione di casi particolari.

Viene chiarito che gli interventi trainanti possono essere eseguiti anche su una pertinenza e beneficiare del Superbonus indipendentemente dalla circostanza che l’intervento interessi anche il relativo edificio residenziale principale purché questo intervento sia effettuato nel rispetto di tutti i requisiti stabiliti dall’articolo 119 del decreto Rilancio. Inoltre, l’Agenzia chiarisce che l’installazione di impianti fotovoltaici – che rientra tra gli interventi trainati a condizione che si esegua un intervento trainante di efficienza energetica di cui al decreto Rilancio o che si esegua un intervento antisismico – è ammessa al Superbonus anche se effettuata sulle pertinenze degli edifici o delle unità immobiliari. Un’ulteriore circostanza affrontata nel documento delle Entrate è quella degli interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro dell’edificio. In questo caso, spiega la circolare, le relative spese rientrano nel Superbonus anche se l’intervento è realizzato su uno solo degli edifici che compongono il condominio, a condizione che per l’edificio oggetto di intervento siano rispettati i requisiti dell’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda e del miglioramento di due classi energetiche.

Nel quinto capitolo vengono approfondite le specifiche riguardanti l’opzione per cessione e sconto in fattura, con la descrizione di casi specifici, del rilascio di attestazioni e asseverazioni e degli adempimenti necessari.

Nella corposa parte finale della Circolare n. 30/E dell’Agenzia delle Entrate viene trattato il tema del visto di conformità.