. NUOVO CONTRATTO REGIONALE PER I LAVORATORI METALMECCANICI ARTIGIANI

E’ un’intesa ponte siglata dalla CNA del Veneto assieme alle altre Associazioni artigiane con Fim-Cisl e Uilm-Uil. Riguarda anche installato

Un’intesa “ponte” è stata raggiunta dalla CNA del Veneto assieme alle altre Associazioni artigiane e dai sindacati dei lavoratori Fim-Cisl e Uilm-Uil per il rinnovo del contratto regionale per i lavoratori artigiani metalmeccanici, che interessa anche installatori e autoriparatori.

Tra i punti qualificanti dell’intesa c’è la previdenza complementare che mira a garantire un reddito pensionistico congruo ai lavoratori a fronte della situazione critica della previdenza italiana che tra riforme e tagli mette sotto ipoteca il futuro soprattutto dei più giovani, oltre ad una nuova modulazione dei premi.

Per le imprese viene introdotta una forma di flessibilità che consentirà di fronteggiare gli sbalzi positivi e negativi della produzione. Inoltre, l’intesa aumenta la quota di contratti a termine di cui le imprese possono usufruire, rispetto a quanto previsto dal CCNL e dalla normativa in essere.

Il contratto garantisce ai lavoratori una copertura salariale in attesa dell’introduzione delle novità annunciate per il settore artigiano in materia di premi di produttività e welfare aziendale.