. SCANIA RICORRE CONTRO LA MAXI MULTA UE

Per aver fatto parte del “Cartello” delle Case costruttrici di mezzi industriali

Dal quartier generale di Scania in Svezia, a Södertälje, è stato diffuso un secco comunicato in cui si ribadisce l’estraneità della casa nella vicenda e si annuncia l’intenzione di presentare ricorso alla magistratura comunitaria. Oltre a contestare fermamente «tutte le conclusioni e le affermazioni della Commissione Europea», in Scania sottolineano anche di aver «collaborato con la Commissione europea fornendole informazioni e le spiegazioni richieste per tutto il periodo dell’inchiesta». Insomma, per mettere definitivamente la parola «fine» a questa lunga indagine bisognerà attendere del tempo.