. RINNOVATO IL CCNL ARTIGIANI AREA TESSILE-MODA

Interessa anche area Chimica, Ceramica, Gomma-Plastica, per circa 250.000 addetti distribuiti in 100.000 imprese

La trattativa ha visto per la parte imprenditoriale la sottoscrizione di CNA Federmoda, CNA Produzione, CNA Artistico e Tradizionale e CNA Servizi alla Comunità Confartigianato Moda, Confartigianato Chimica, Confartigianato Ceramica, Casartigiani e Claai mentre per le OO.SS. la firma è stata apposta da Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil.

 Parte integrante della trattativa è stata la discussione sui temi della legalità e trasparenza lungo l'intera filiera in particolare per quanto il settore moda, discussione che ha portato alla definizione di un protocollo sulla legalità e un documento sui temi della responsabilità solidale, della subfornitura e sulla concorrenza sleale da portare al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, al Ministero dello Sviluppo Economico e al Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca per condividere azioni comuni da dedicare a questo settore di primaria rilevanza per il sistema economico e sociale del Paese.

"Abbiamo colto questa occasione per ribadire il valore della filiera e la necessità di sostenere azioni per la messa in trasparenza dei processi produttivi - dichiarano dai vertici di CNA Federmoda - Questi fattori devono essere posti al centro di tutte le politiche rivolte al settore in un'ottica di sostenibilità economica e sociale e attenzione verso il consumatore."

Gli aumenti economici concordati al livello di addensamento sono pari e € 45 per l'area Tessile Moda e € 48 per l'area chimica ceramica.

Ad integrale copertura del periodo di vacanza contrattuale è stato riconosciuto un importo "una tantum" pari a € 120 per le imprese del tessile moda e € 80 per le imprese della chimica e della ceramica.