. NO A UN REGOLAMENTO PER GLI APPALTI PUBBLICI CHE SPACCA LA CATEGORIA

CNA Artistico tradizionale, assieme alle altre associazioni che rappresentano i Restauratori di Beni Culturali italiani, ARI, Confartigianato, a salvaguardia dell'intera categoria, si dichiara contraria al Regolamento concernente gli Appalti pubblici di lavori inerente i Beni Culturali (attuato con D.M. 154/2017del Ministero dei Beni culturali predisposto in attuazione all’articolo 146, comma 4 del Codice dei Contratti Pubblici).

Ancora una volta, come già avvenuto in passato, infatti, la normativa tende a diversificare i restauratori che hanno acquisito la qualifica ai sensi dell'art. 182 da coloro che l’acquisiscono ai sensi dell’art. 29.

L'evidente disparità di trattamento all'interno della categoria, unita alle nuove regole per la partecipazione alle gare di appalto pubbliche o private, non solo altera la concorrenza oggi, ma apre la strada in futuro a ulteriori storture, con conseguenze che sarebbero sempre più pesanti. Pertanto le associazioni hanno concordato un'unica azione legale congiunta al fine di garantire i propri associati.

Nella generale frammentazione del settore questa iniziativa vuole rappresentare un elemento nuovo e significativo anche nei confronti delle Istituzioni preposte alla tutela ed alla salvaguardia del Patrimonio storico artistico della Nazione nonché delle professionalità che da sempre legittimamente ne fanno parte, per un effettivo ed univoco riconoscimento della figura professionale del Restauratore di Beni Culturali.

Documenti Allegati: