. NUOVA LEGGE REGIONALE DEL VENETO VALORIZZA E PROMUOVE LA BIRRA ARTIGIANALE

Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato all’unanimità la Proposta di legge di iniziativa consiliare n. 133 per la promozione e la valorizzazione dei prodotti e delle attività dei produttori di birra artigianale.

Con l’entrata in vigore della nuova disciplina, la Regione del Veneto attuerà misure di sostegno alla qualità del prodotto e alle imprese tramite la valorizzazione della produzione birraia artigianale e delle sue metodologie di lavorazione, l’incentivazione dello sviluppo della coltivazione e della qualità di lavorazione delle materie prime per la produzione birraia artigianale, con particolare riferimento alla produzione di luppolo e orzo, anche sostenendo la creazione e lo sviluppo della filiera locale, e la promozione della qualificazione delle competenze professionali per gli operatori del settore.

A questo scopo, tra le varie iniziative previste dal provvedimento, la Giunta istituirà il registro dei Birrifici Artigianali e definirà un Disciplinare specificamente  rivolto ai produttori di birra artigianale e ai produttori di orzo e luppolo.

Un giudizio positivo sulla nuova normativa è stato espresso da Victor Fant Presidente CNA Agroalimentare Veneto: “Bene, si tratta di un importante risultato che valorizza il comparto dei birrifici artigianali e li distingue dal prodotto industriale e commerciale. E’ questo un settore che è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, nonostante un vuoto  normativo e il mismatch esistente tra i microbirrifici e gli impianti di produzione industriale. Nonostante ciò il consumatore è evoluto ed è diventato consapevole della differenza esistente, anche a livello alimentare ed in questo caso nella birra, tra un prodotto realizzato con metodi artigianali e quelli industriali, in termini di qualità, gusto, varietà”.

La Giunta regionale, inoltre, promuoverà iniziative di informazione, promozione e valorizzazione della ‘birra artigianale’ tra le quali una fiera annuale della Birra Artigianale da tenersi, a rotazione, nei diversi territori della Regione vocati alla sua produzione. Questa disposizione è stata oggetto di un emendamento presentato da un Consigliere di minoranza ed approvato dall’Aula che prevede, nell’ambito della Fiera della Birra artigianale, l’allestimento di un punto informativo sul ‘Bere responsabile’ organizzato in collaborazione con l’ULSS territorialmente competente.