. RICONOSCIMENTO EUROPEO PER LA "GUIDA OPERATIVA SISTEMA CASA ARTIGIANATO" DEL COBIS

Assegnato a Baku (Azerbaijian) nell’ambito del premio “Buone pratiche per l’Europa”, l’International social security association (Issa)

Attestato internazionale per il progetto COBIS, CPR, INAIL D.R. VENETO e Ca’ Foscari Challenge School: "Guida Operativa SGSL Sistema Casa Artigianato". Nell’ambito del premio “Buone pratiche per l’Europa”, l’International social security association (Issa), che riunisce oltre 330 organizzazioni di sicurezza sociale di 158 Paesi, ha assegnato 14 riconoscimenti – nove certificati di merito e cinque attestati – ad altrettanti progetti presentati dall’Inail tra i quali la nostra Guida, uno dei due progetti realizzati in Veneto, selezionati e candidati dall’Istituto per questa manifestazione internazionale.

In pratica è stato avviato e portato a compimento un progetto che ha permesso di ideare, costruire e sperimentare “sul campo” una Guida Operativa in materia di sicurezza sul lavoro, confezionata su misura delle caratteristiche dimensionali, organizzative e produttive delle imprese artigiane dei comparti Legno, Installazione di Impianti ed Edilizia. La Guida è stata una vera è propria sfida lanciata nel ricco, articolato e, per certi versi, anche “disorientante” panorama di strumenti, modelli, guide gestionali che il mercato offre alle imprese. Questa Guida, dedicata esplicitamente alle imprese artigiane, ha dato piena dimostrazione, nella fase sperimentale, di poter raggiungere risultati di assoluto rilievo: difatti è la prima volta che una Guida non si limita ad esprimere cosa deve essere fatto sulla base di assunti teorici, ma propone soluzioni, sotto forma di procedure e documentazione di sistema come esempi pratici, la cui fattività è stata testata e positivamente dimostrata lungo un percorso sperimentale durato quasi due anni nel settore dell’artigianato. Attività che ha visto coinvolti e protagonisti, 15 aziende, una decina di tecnici delle associazioni artigiane e gli RTLS. Alla Guida è allegato un fascicolo tecnico particolarmente dettagliato e prezioso, per imprese ed addetti del settore, nel quale sono presenti 8 procedure e 30 documenti di sistema che possono essere utilizzati come esempi per l’adozione e l’efficace attuazione dell’SGSL.

La cerimonia di premiazione –con il responsabile della comunicazione esterna dell’INAIL, Mario Recupero, presente in rappresentanza dell’Istituto– si è svolta a Baku, al termine della prima giornata del Forum regionale dell’Associazione Internazionale di Sicurezza Sociale (ISSA). Il premio, giunto alla quarta edizione, è un’iniziativa a cadenza triennale promossa dall’ISSA con l’obiettivo di incoraggiare, attraverso la valorizzazione di azioni di eccellenza per la salute e la sicurezza sul lavoro, la realizzazione di progetti innovativi, efficienti e riproducibili da altri organismi. Nel valutare le 76 buone pratiche presentate da 25 Istituti governativi, membri di 20 Paesi del continente, la giuria internazionale ha preso in considerazione i risultati che hanno raggiunto rispetto alle tematiche affrontate e la loro robustezza, replicabilità e innovatività, privilegiando in particolare approcci lungimiranti, originali e all’avanguardia per l’Istituto, il Paese di riferimento o l’area regionale nel suo insieme. L’Inail ha provveduto a selezionare i più innovativi e lungimiranti progetti patrocinati e realizzati negli ultimi anni, candidandoli a questo evento internazionale.

Secondo la dott.ssa Petrucci, direttrice dell’Inail regionale, La “Guida Operativa SGSL. Sistema Casa Artigianato” (presentato dalla Direzione Regionale Veneto dell’Inail insieme ad un secondo progetto, anch’esso premiato dall’ISSA), entra a pieno titolo, assieme ad altri quattro progetti italiani, nel database delle Buone Pratiche accreditate dall’International Social Security Association, rappresentando così il giusto riconoscimento del livello di eccellenza raggiunto dal mondo produttivo veneto”.

Cna, Confartigianato Imprese e Casartigiani del Veneto esprimono la loro soddisfazione per il risultato raggiunto che dimostra la capacità di lavorare tutti insieme Cobis, CPR, Inail, strutture universitarie, associazioni di categoria, sindacati, imprese, lavoratori e loro rappresentanti per il raggiungimento di un comune, concreto e condiviso obiettivo. “Il riconoscimento ottenuto a livello internazionale testimonia la bontà dell’approccio condiviso sulla salute e la sicurezza sul lavoro, impegno che da tempo   prosegue nell’alveo della bilateralità veneta basandosi su un sistema di valori che pone la prevenzione degli infortuni   quale elemento fondamentale e primario. E’ stata una sfida significativa ed importante perché la quasi totalità delle imprese artigiane non adotta questi sistemi che sono su base volontaria. La strada intrapresa è quella giusta e vogliamo percorrerla con determinazione”.

CGIL, CISL e UIL del veneto nel condividere la soddisfazione, indicano come l’importante attestato internazionale ottenuto dal nostro progetto dimostra – ancora una volta – come il sistema di relazioni sindacali nel settore dell’artigianato veneto abbia saputo sviluppare una pratica contrattuale particolarmente avanzata in grado di produrre risposte concrete e di qualità anche sul versante decisivo della tutela della salute e sicurezza del lavoro. Il fiore all’occhiello di questa esperienza è la bilateralità, che nella nostra regione tocca livelli di adesione e di servizi restituiti ai lavoratori senza paragoni in Italia.

Le Organizzazioni Sindacali del Veneto hanno convintamente contribuito a questo percorso attraverso l’azione contrattuale e l’apporto tecnico-scientifico. Il riconoscimento ottenuto ci spinge a continuare con ancor maggiore determinazione in questa direzione".