. LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA NUOVA LEGGE QUADRO DEL SETTORE

Cna e Confartigianato- “Testo organico: riordina il sistema e lo proietta nel futuro con dotazione di 20 milioni"

“Una Politica che promette e mantiene è una buona notizia, ottima se si tratta di portare a compimento un progetto di legge fondamentale per il mondo artigiano”. Commentano con queste parole Agostino Bonomo e Alessandro Conte Presidenti di Confartigianato Imprese Veneto e Cna Veneto l’approvazione, di qualche ora fa in Giunta Regionale del Veneto, del PDL sulla tutela dell’artigianato.

“Un gran bel regalo di Natale da parte dell’Assessore Marcato -proseguono i Presidenti- a cui riconosciamo la determinazione di aver portato a compimento una riforma attesa da trent’anni (la legge che disciplina il settore è datata 1987". Oggi l’artigianato veneto fa il primo grande passo verso il futuro”.

Dopo un inteso confronto tra Regione, le Associazioni di Categoria ed esperti, ne è venuto fuori un testo moderno, attento non solo a disciplinare aspetti regolatori del settore ma a promuovere la crescita l’innovazione lo sviluppo delle imprese artigiane

I principali elementi di novità sono: un impianto snello che demanda alla Giunta Regionale i provvedimenti di attuazione prevedendo forme di incentivo e sostegno alla innovazione alla collaborazione tra imprese alla interazione con il mondo della ricerca e della università allo sviluppo produttivo con l’ammodernamento tecnologico delle imprese sino alla internazionalizzazione.

Altro elemento di novità l’introduzione della figura del Maestro Artigiano e della Bottega Scuola. Qualifica che verrà riservata a coloro che dimostreranno il possesso di requisiti idonei alla trasmissione delle conoscenze informali per la continuità dei mestieri non solo quelli tradizionali e artistici ma dell’impresa in genere. Inoltre sono previsti anche il sostegno all’avvio di nuove imprese, alla valorizzazione e tutela dei settori artistico e tradizionale quali eccellenze del territorio da coniugare anche in chiave turistica ed all’accesso al credito, con nuovi strumenti dedicati alla impresa artigiana anche in sinergia con Veneto Sviluppo.

“Tutto questo -precisano- potrebbe rimanere solo un bel libro dei sogni se non fosse corredato ed accompagnato da una congrua dotazione economica. Per fortuna, abbiamo evitato questo rischio grazie allo stanziamento di ben 20 milioni di euro che serviranno da subito a concretizzare le varie misure”.

“Il testo approvato oggi dalla Giunta – concludono i Presidenti- arriva dopo un gran lavoro a cui Confartigianato Imprese Veneto e Cna Veneto hanno contribuito convintamente e attivamente anche grazie all’apporto dei territori. Un testo quindi condiviso ed in grado di rappresentare una svolta. Si tratta di una legge che raccoglie il meglio delle altre normative regionali mescolate in salsa veneta per valorizzare le straordinarie caratteristiche del nostro artigianato. Auspichiamo -chiudono- che ora, i tempi di approvazione in Consiglio Regionale siano i più rapidi possibili. L’approvazione all’unanimità sarebbe la conclusione degna di una norma che può diventare un trampolino di lancio per la nostra economia”.